Comunicato post elettorale

Con queste elezioni europee mi ero dato 3 obiettivi.

Non ne ho raggiunto nemmeno uno.

  • Mi sarebbe piaciuto fare di un luogo delle Langhe la capitale italiana della sostenibilità portando il simbolo di Green Italia in doppia cifra. Non che la sostenibilità, fortunatamente, si misuri in percentuali elettorali, ma ci tenevo. Fare di una lista ecologista il terzo partito come in Germania, o al limite il quarto come al parlamento europeo. Non sono riuscito. Ciononostante con grande affetto guardo agli elettori di Montelupo Albese, dove affondano le radici della mia famiglia, quelle radici che succhiano tradizione per traspirare innovazione, già Montelupo Albese dove Green Italia ha ottenuto il miglior risultato del Nord Ovest in termini percentuali con il 6,5%. Guardo con affetto anche a quella Langa in procinto di diventare patrimonio immateriale dell’UNESCO, come Barolo dove Green Italia è al 5,9% o Serralunga (5,2%). Guardo con affetto ad una Langa che amo e che ho percorso da quando so camminare, sulla quale mio padre mi portava a scoprire specie spontanee di orchidee, o a studiare specie endemiche di insetti, che solo qui vivono, come quella della dorsale di Levice (5,6%).
  • Mi sarebbe piaciuto portare il simbolo di Green Italia al 4% (la soglia “simbolica” che solo in Italia abbiamo per accedere al parlamento europeo) nella mia città: Alba. Mi sono fermato al 3,4%. Tanti concittadini hanno però pensato che dietro ad un simbolo e ad un cognome ci fosse qualcosa da raccontare, da dire. Hanno pensato che in fondo l’ambiente, il futuro desiderabile, un nuovo modo di fare economia, che parte dall’efficienza dell’utilizzo delle risorse e continua con il rispetto dei luoghi e delle popolazioni che quelle risorse ce le hanno non sono solo un’idea, ma sono cose concrete.
  • Mi sarebbe piaciuto superare le duemila preferenze, ma mi sono fermato a 1540. Leggo il numero e penso ai volti, alle mani, alle persone. Li conosco quasi tutti, se non direttamente almeno per interposta persona. Penso che quelle persone, quelle mani quei volti mi hanno dato fiducia. Ne sono orgoglioso.

Credo che la testimonianza di Green Italia sia utile ai maggiori partiti per pensare ad un futuro diverso più ricco. Un futuro nel quale l’efficienza dell’uso delle risorse, il dialogo tra le popolazioni, gli investimenti a maggior intensità di lavoro, la prevenzione, sono alcune delle risposte all’austerità e le basi di un nuovo rilancio dell’economia relazionale. Un’economia che non può passare dai proclami o dalle urla, ma che deve poggiare su due pilastri fondamentali: il rispetto dell’altro (secondo un modello neo gandhiano) e il principio della complessità.

Non esistono soluzioni semplici!

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Comunicato post elettorale

  1. Alinda Ricci ha detto:

    Non hai fallito, Robi.
    Hai dato la possibilità di esprimere il diritto di voto a 16 persone fra alessandria e asti, che non erano rappresentate, perchè il loro partito è stato ignominiosamente escluso all’ultimo minuto, dalla Lista Tsipras e che,perciò, senza di te si sarebbero private del detto diritto/dovere, conquistato dai nostri nonni con il sangue e le lotte.
    Perciò il mio gruppo e io in particolare, ti ringraziamo e sono certa che ci sarà una prossima volta.
    Un abbraccio Alinda

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...