Manifesti Langhe Volpi e Faine pensando a Costantino…

 

 

 

Passo le notti ad attacchinare. Di giorno si lavora e di questi tempi occorre dire per fortuna! La notte corro per i Paesi delle Langhe. Così lascio alla bacheca di Facebook e del mio sito altri tre punti del programma elettorale, ma ai miei amici, conoscenti lettori, lascio anche le righe che ho scritto stanotte tornando dal giro di affissione, manifesti…

La Langa è spazzata dal vento.
Le strade ricoperte da rami spezzati dal vento.
La valle del Tinella è avvolta nel buio.
Una volpe si rifugia nell’erba alta del ciglio del strada, scappando dai fari della mia auto.
Le curve di Mompiano mi sono sempre piaciute.
Di giorno o di notte come ora. D’estate con l’arrenaterum che ne indora i contorni o d’inverno che a stento si capisce dove girare sommerse di neve.
Dal colle di Montemarino si domina la pianura: Alba è subito li sotto che sembra di toccar la con un dito e poi da Torino a Cuneo è un brillare di luci.
Sulla destra è il bosco del Boscaccio dove ho sempre pensato che Agostino avesse trovato Costantino appeso, impiccato.
Non so se fosse li, ma io li me lo sono sempre immaginato.
Costantino. Penso solo che abbia avuto più coraggio di me, che sia stato più sensibile di me nel farla finita!
Il maniero di Borgomale sembra il ritrovo ideale delle masche. Mi fermo sotto le finestre dagli infissi bianchi. Non c’è nessuno. Non si sente nessuno.
Proseguo per via berria. Un’altro rittano. Un’altra Langa.
La strada è poco più di una carrareccia, ancora da riparare dagli smottamenti del ’94.
Lascia l’abitato tra una doppia fila di gaggie potate come gelsi.
Fiorite si illuminano al passaggio della mia auto ad abbaglianti accesi.
Dove la rocca si butta sulla strada è una faina che scappa davanti a me.
La strada riprende quota. Sale con Cravanzana illuminata di arancione a sinistra. Lequio Berria è quasi fredda.
Quando sbuchi ai tre cunei è il Piemonte che si allarga al tuo sguardo e per quanto sei preparato ti si blocca il fiato.
Luce di Stelle a illuminare le colline, luci di cascine a punteggiare il cielo.
Sono caprioli che scappano verso Albaretto.
È tardi e decido di rientrare… Pensando che Costantino mi sta accompagnando…
Programma_Roberto_Cavallo_3
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...