Il buon senso del Titanic

Ricorre oggi il centenario dell’affondamento dell’inaffondabile Titanic.

Lo ricordo con questo paragrafo, estratto da “Meno 100 chili”, che avevo voluto intitolare “Il buon senso del Titanic“:

“La punta di un iceberg. I rifiuti urbani sono solo la punta di un iceberg.
Me lo ripeteva con insistenza il responsabile di Legambiente quando, da pochi giorni, il sindaco mi aveva chiamato a ricoprire il ruolo di assessore. Agricoltura, ambiente, protezione civile. Tre deleghe “leggere” per una città cuore dell’enogastronomia
mondiale, in mezzo a colline da patrimonio dell’Unesco, appena uscita con le ossa rotte da un’alluvione, che ha lasciato dietro di sé qualche decina di morti. Così, ancora oggi, ho quell’immagine dell’iceberg davanti agli occhi. E oggi, mentre scrivo, l’iceberg mi fa venire in mente il Titanic . L’ RMS Titanic .
La massima espressione della tecnologia navale, ed era il più grande, veloce e lussuoso transatlantico del mondo. […] Il Titanic era un gioiello di tecnologia ed era ritenuto praticamente inaffondabile.
La storia la conosciamo tutti. Grazie anche a James Cameron, Leonardo di Caprio e Celine Dion.
Ma forse la viviamo come un grande film, o al massimo come la rievocazione di un evento drammatico. Ma di drammatico c’è la metafora dell’arroganza umana. Il pensare di essere inaffondabili. Invincibili. Il pensare di spingere i motori al massimo, anche quando solo due eliche su tre, tra l’altro le più piccole, sono a direzione invertibile. Quando poi un pezzo di ghiaccio, preso di striscio, ti affonda in poco più di due ore e mezza. Non riesco a non pensare all’insostenibilità di alcuni nostri comportamenti, al fatto che in terza classe ancora oggi ci siano molte più persone che in prima. Che di scialuppe di salvataggio non ce
ne sono per tutti. Che vogliamo calare le scialuppe caricandole per un terzo della loro capacità, perché non ci va di salvarci con quelli di altre classi. Ma soprattutto che il tempo di affondamento è così rapido da non permettere a nessun’altra nave di arrivare in tempo e che i messaggi di aiuto che vengono lanciati dagli addetti alle trasmissioni non sono capiti da chi potrebbe e dovrebbe riceverli.
Non siamo sintonizzati. Così quando ripenso a Beppe, segretario del circolo di Legambiente alla fine degli anni Novanta, che con la sua barba appena imbiancata mi parla dell’iceberg di rifiuti, la mia testa si riempie di immagini buie, fredde, come l’oceano, che cento anni fa circa si è portato via 1.523 persone.”

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Il buon senso del Titanic

  1. Giovanni ha detto:

    E infatti con queste manie di grandezza siamo la società dei consumi indiscriminati su cui si basa l’ “economia attuale”, in questo abbiamo imitato molto bene gli USA dell’usa e getta con la conseguenza che il mondo occidentale è sommerso dai rifiuti il cui aumento và di pari passo agli
    inquinamenti ambientale e atmosferico, nonché alla riduzione delle materie prime.

  2. anele ha detto:

    È tutto molto vero. E lo sappiamo tutti. Anche se a volte preferiamo criticare, giudicare e consigliare gli altri che non fanno le cose giuste e ci dimentichiamo spesso e volentieri che gli altri siamo noi. E pur prendendo lentamente coscienza del fatto che su questo mare navighiamo tutti noi, non riusciamo ancora a cambiare la rotta in modo convincente. E per rimanere in tema di mare, mi viene in mente una scena del film Nemo, sì, sì, il cartone animato, quando il piccolo Nemo, insegna a un gruppo di pesci catturati da una rete di pescatori, a nuotare nel verso opposto a quello in cui viene tirata la rete: la loro forza spezza la corda che tiene la rete e i pesci si salvano. Passa parola!

  3. errecavallo ha detto:

    Grazie Anele! Bellissima l’immagine di Nemo, me la ricordo bene. La userò! Grazie… R

  4. Rio: chiude Gramacho, tra le più grandi discariche del mondo a cielo aperto
    Incerto il destino dei 1.700 «catadores» che cercavano qualcosa da riciclare le le tonnellate di rifiuti
    http://www.corriere.it/ambiente/12_giugno_02/chiude-discarica-gramacho-rio-brasile_281077ee-acbd-11e1-9fc1-b5e83ca3680b.shtml

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...